AllgemeinComunicato stampa

Successo per il Team K nella mobilità elettrica

All’insegna del suo motto “Geaht nit gib’s nit gib’s nit”, Josef Unterholzner, consigliere provinciale del Team K, è riuscito a tagliare i sussidi per le auto elettriche sopra i 50 mila euro con l’approvazione di un ordine del giorno nel dibattito sul bilancio. 

“Se ci sono già dei sussidi statali per le auto elettriche nuove, perché sprecare denaro statale e persino sostenere le auto di lusso, per le quali una famiglia potrebbe acquistare quasi due auto di categoria inferiore. Ci sono altre possibilità a lungo termine molto più sensate per rendere l’Alto Adige una destinazione per la mobilità elettrica”, afferma Josef Unterholzner

Il consigliere provinciale insiste sulla necessità di promuovere altre misure per la mobilità elettrica, come le stazioni di ricarica. Consiglia inoltre di realizzare per residenti e turisti un’infrastruttura di alimentazione elettrica presso i principali punti d’ingresso in Alto Adige a nord, sud, ovest e est dei nostri confini provinciali. Solo cosí si incentiva davvero la mobilità elettrica. 

“Con una rete provinciale di mobilità elettrica, l’Alto Adige potrebbe diventare un pioniere della mobilità moderna, silenziosa e a basso rumore, con un minore impatto ambientale rispetto ai motori a combustione. Anche per quanto riguarda il marchio ‘Alto Adige’, questo potrebbe essere un ulteriore passo avanti per rendere la nostra terra e più attraente per i mezzi di trasporto alternativi, sia per i turisti che per la gente del posto, soprattutto in un territorio patrimonio dell’UNESCO”, conclude Unterholzner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *