AllgemeinComunicato stampa

Serve una “via altoatesina” anche per le case di riposo e di cura

Per le case di riposo e di cura, alcune delle quali diventati hotspot durante l’emergenza coronavirus, si adotta una strategia di attesa e cautela e si rifiutano nuovi ricoveri di anziani e di persone bisognose di cure che sono in lista d’attesa. I consiglieri del Team K Franz Ploner e Maria Elisabeth Rieder esprimono le loro preoccupazioni per questo approccio.

Il sistema sanitario provinciale sta gradualmente cercando di tornare alla normalità, nel rispetto delle norme igieniche e degli standard di legge. Solo le case di riposo e di cura devono rispettare i regolamenti governativi e sono ancora “sigillate”. Ed ecco il problema: lasciare senza prospettive le molte persone che hanno urgente bisogno di un posto. E anche le dimissioni dagli ospedali diventano un problema. “Come si giustifica l’interruzione dei ricoveri previsti e il sovraccarico dei reparti per acuti (medicina interna e geriatria) negli ospedali? Come si giustificano gli elevati costi che ne derivano?”, chiede il Dr. Franz Ploner del Team K.

Mentre alcune case di riposo e case di cura sono state severamente impegnate durante l’emergenza Covid-19, altre sono rimaste senza infetti. Soprattutto per queste ultime, è incomprensibile che i residenti rimangano ancora isolati e perdano ogni contatto con i loro parenti. Oltre alle difficoltà strutturali, la solitudine e l’isolamento sono condizioni che mettono a dura prova la psiche. “Mesi di isolamento e nessuna visita di persona da parte di parenti e amici, logorano i residenti delle case di riposo. La salute mentale è un fattore essenziale per il benessere”, spiega Maria Elisabeth Rieder. Un primo allentamento è stato annunciato, ma non per le prossime due settimane. La responsabilità dell’eventuale apertura è dei direttori medici delle case di riposo e di cura.

“Molti studi scientifici dimostrano che l’isolamento sociale, la solitudine e la mancanza di input cognitivi hanno un’influenza negativa sulle malattie preesistenti e influiscono sulla prematura mortalità dei residenti delle case di riposo. Dobbiamo impegnarci a rompere il persistente isolamento attraverso misure innovative – ad esempio l’introduzione di una programmazione delle visite o l’uso di tablet per la comunicazione – e adottando una strategia di test. I residenti dovrebbero avere la possibilità di essere visitati dai loro parenti, nel rispetto delle norme igieniche naturalmente. Anche in condizioni difficili come questa pandemia, i pazienti hanno diritto alle cure palliative e ad essere accompagnati dai loro cari alla fine della loro vita.  Le case di cura devono aprirsi ai loro compiti istituzionali e accogliere nuovi residenti che necessitano di cure in queste strutture”, dice il Dr. Franz Ploner.

Il Team K spera che ci sia una “via altoatesina” anche per le case di riposo e di cura. Come già sapeva Ippocrate, “situazioni eccezionali richiedono misure eccezionali.”.  Per molti settori, misure e regole sono state introdotte in tempi relativamente brevi. Perché non per le case di riposo e di cura? Perché gli anziani non sono una lobby?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *