AllgemeinComunicato stampa

Le piste da slittino hanno bisogno di regole

Il Team Köllensperger ha presentato oggi in conferenza stampa un disegno di legge per regolare l’uso dello slittino nel tempo libero. Oltre ai caschi obbligatori per i bambini, il ddl prevede anche uno standard minimo per le condizioni e la manutenzione delle piste per lo slittino.

I vari incidenti occorsi nel tempo sulle piste per slitte – con feriti gravi e con conseguenze a volte mortali – hanno ripetutamente portato l’Alto Adige nelle cronache dei media italiani e stranieri. La provincia di Bolzano si è ritagliata una forte competenza nel campo dello slittino a livello internazionale. I numerosi campioni (olimpici, mondiali ed europei) in slittino su pista artificiale e naturale sono la punta di diamante di uno sport popolare che viene praticato nel tempo libero sia da residenti che da turisti su più di 140 piste di slittino sparse sul nostro territorio.

I numeri di questo sport

Secondo l’unica rilevazione statistica realizzata finora dall’Astat sulla pratica dello slittino e datata 2012, 33mila appassionati percorrono le piste dell’Alto Adige nei giorni di punta, un numero che negli ultimi anni si può ipotizzare sia notevolmente aumentato. Questo significa che in una stagione invernale 1,5 milioni di persone utilizzano le piste di slittino sul territorio. Questo sport ha quindi anche una valenza economica considerevole per diversi comprensori sciistici, di cui rappresenta un’entrata aggiuntiva non trascurabile. Non vanno poi dimenticati gli altri attori economici coinvolti, come i produttori di slitte e le società di noleggio.

L’attuale rapporto sullo slittino del Kuratorium für Alpine Sicherheit austriaco (29.01.2019) fornisce dati sulle cause di incidenti in Austria, che sono naturalmente interessanti anche per l’Alto Adige. Le collisioni sono la prima causa di incidenti con il 35%, seguite da “cadute e scivolate” (28%) e impatti contro ostacoli (21%). In Austria, negli ultimi dieci anni tra il 2008 e il 2018, 21 persone hanno perso la vita sullo slittino. Nella stagione invernale 2017/18, il 41% degli appassionati di slittino coinvolti in incidenti è risultato essere sprovvisto di casco e solo il 35% ne era invece munito, mentre per il restante 24% il dato non è disponibile. Si può comunque affermare che circa la metà degli incidentati non era munita di casco. La percentuale più alta di incidenti ha riguardato persone di età compresa tra 11 e 20 anni (26%), seguita dalla fascia di età 21-30 anni (21%).

Lo stato dell’arte in Alto Adige

I dati sopra elencati rendono ancora più incomprensibile come questo sport, ormai così praticato in tutto l’arco alpino, ma soprattutto in Alto Adige, non sia regolamentato da alcuna legge ad hoc. Anzi, lo slittino è addirittura espressamente escluso dalla legge provinciale sulle piste da sci (legge provinciale n. 14 del 23 novembre 2010, art. 2, comma 2, lettera a). In considerazione del crescente numero di atleti, fornitori e operatori del settore, è essenziale porre rimedio alla situazione e colmare questo vuoto normativo, introducendo almeno uno standard minimo di qualità e sicurezza, come ha fatto ad esempio il Land Tirolo con il “Marchio di qualità per le piste da slittino”, assegnato a partire dal 2009.

In Alto Adige, dal 2009 l’associazione “Sicher Rodeln – Slittino sicuro” si occupa volontariamente dell’intero settore. Visto l’elevato know-how dell’associazione e la necessità di professionalizzare la pratica dello slittino nel tempo libero è giusto affidare loro un ruolo di coaching.

Uta Radakovich, co-fondatrice dell’associazione “Sicher Rodeln”, accoglie con favore l’iniziativa legislativa del Team Köllensperger. “Fino ad oggi per me era incomprensibile che, nonostante i gravi incidenti sulle piste, lo slittino nel tempo libero non avesse mai ricevuto la stessa attenzione dello sci. Con questa proposta tutti coloro che si occupano di questa attività, dal noleggiatore all’istruttore di slittino, potranno avere una tutela professionale e legale”.

 

La nostra proposta

Alex Ploner, consigliere provinciale del Team Köllensperger e primo firmatario del disegno di legge, ha visto la necessità di intervenire su questo tema: “In considerazione del numero sempre crescente di praticanti e di conseguenza di incidenti, ritengo sia urgente definire delle regole sensate per questa disciplina sportiva. Questo disegno di legge non solo offre tutela ai gestori di piste per slittino, ma aumenta anche la sicurezza di chi pratica questo sport nel tempo libero. In quest’ottica sarebbe inoltre consigliabile integrare la legge sulle piste da sci e la normativa relativa ai maestri di sci con riferimenti allo slittino”.

L’impegno di ex-slittatori di fama mondiale, esperti e allenatori in qualità di consulenti, offrirà l’opportunità di trasmettere la loro preziosa esperienza nello slittino anche dopo il termine della loro carriera sportiva.

Il disegno di legge riguarda gli aspetti sportivi, turistici e strutturali attraverso la progettazione delle nuove piste da slittino o la ristrutturazione di quelle esistenti, la classificazione delle piste, la loro messa in sicurezza e la segnaletica, il regolamento per gli slittini, l’assistenza agli operatori e ai proprietari di rifugi, le opportunità di formazione e perfezionamento professionale.

Un altro aspetto è il casco obbligatorio per i bambini sotto i 14 anni, che è già valido per le piste da sci. Le piste da slittino sono considerate molto più pericolose, quindi un casco obbligatorio almeno per i bambini è più che necessario. Il disegno di legge promuove la sensibilizzazione all’uso del casco anche per gli adulti, così come la comunicazione di informazioni circa le assicurazioni di responsabilità civile per gli operatori, noleggiatori, produttori, insegnanti e praticanti nel tempo libero, per minimizzazione i rischi all’insegna della sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *