AllgemeinComunicato stampa

Inaccettabile il taglio dei fondi per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici

Il Team Köllensperger avrebbe anche potuto accettare la cancellazione dell’indice dei prezzi al consumo, ma è davvero impossibile sostenere un taglio di 195,5 milioni di euro.

Ieri la Giunta provinciale ha voluto introdurre in tutta fretta un articolo aggiuntivo alla variazione di bilancio in trattazione in Consiglio provinciale, che non solo – come richiesto da Roma – taglia l’indice dei prezzi al consumo, ma anche 20 dei 195,5 milioni messi a disposizione per il contratto collettivo interdipartimentale. Tutto questo doveva essere approvato con una procedura rapida, ma l’introduzione di un articolo aggiuntivo in seduta plenaria richiede l’accordo di tutti i gruppi consiliari. “Abbiamo consultato e ottenuto informazioni dalle parti sociali e abbiamo deciso di non accettare la proposta”, spiega Paul Köllensperger. 

Dalle dichiarazioni di ieri del Landeshauptmann è emerso ancora una volta che l’Alto Adige non ha più la competenza primaria sul personale e che dobbiamo aspettare o sperare di regolamentare questo ambito con una norma di attuazione. Fino ad allora, dipenderemo da Roma.

Le trattative devono proseguire rapidamente e giungere ad una conclusione che permetta l’aumento degli stipendi dei dipendenti. “Se questo non viene fatto sulla base dell’indice dei prezzi al consumo, allora dobbiamo trovare altre strade”, dice Maria Elisabeth Rieder. Entrambi i partner negoziali sono ora chiamati a proporre delle soluzioni alternative. “Si potrebbe prevedere uno o due scatti per tutti, come è successo per il personale dirigente”, conclude Rieder.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *