AllgemeinComunicato stampa

COVID-19 Exit Strategy per l’Alto Adige

Proposte del Team K per i mesi maggio e giugno - Fase 2

Considerazioni di base

Nelle misure di salute pubblica, i benefici devono sempre superare i danni causati dalle misure.  La misura preventiva di uno shutdown deve quindi anche portare complessivamente a più benefici per la salute rispetto ai danni causati dalle misure. Anche se non è ancora stato raggiunto un equilibrio complessivo, i danni alla salute, psicologici, sociali ed economici sulla nostra società sono enormi e continueranno ad avere un impatto a lungo, ad esempio aumentando le disuguaglianze sociali. La questione dei benefici di una chiusura continua deve quindi essere posta – dovrebbero essere cioè enormi anche per l’equilibrio dei benefici e dei danni per essere accettabile. Nella fase 1, durante l’aumento esponenziale delle infezioni da SARS-CoV2, la misura preventiva dello shutdown era inevitabile a causa della mancata tracciabilità delle catene di infezione. E ha raggiunto il suo obiettivo di prevenire il sovraccarico del sistema sanitario. Ora, alla fine di aprile, in considerazione della diminuzione del numero di casi e, soprattutto, della diminuzione del numero di persone in terapia intensiva, il mantenimento delle misure preventive non è più proporzionale al beneficio che si può ottenere. Al più tardi da ora, nella FASE 2, il governo di Roma e di questa Provincia avrebbe dovuto fare tutto il possibile per ridurre al minimo i danni sanitari, psicologici, sociali ed economici, soprattutto nei gruppi vulnerabili, nel miglior modo possibile attraverso valutazioni d’impatto sulla salute. Il danno causato dalla misura preventiva di shutdown è ora maggiore del beneficio. Deve quindi essere interrotta il più rapidamente possibile.

Il risentimento e l’intolleranza nei confronti dello shutdown sta di conseguenza aumentando tra la popolazione e la comunità imprenditoriale, poiché queste misure non sono più proporzionate ai danni collaterali che colpiscono le aree fisiche, psicologiche, sociali ed economiche della società.

Ciò che serve ora sono strategie, regole di condotta e linee guida, su come, nella cosiddetta FASE 2, cioè nel periodo di tempo indefinito – e comunque piuttosto lungo -, la nostra vita sociale e individuale deve riconfigurarsi in relazione alla convivenza con il virus Covid-19.

Le conoscenze specialistiche interdisciplinari, unite allo sfaccettato pragmatismo acquisito dalla pratica di vita, devono essere combinate per consentire ai politici di prendere decisioni più sagge e adeguate alla situazione. In linea con il nostro atteggiamento liberale, è importante convincere la popolazione che le misure sensate vengono sostenute e che le regole vengono rispettate con buon senso. Consenso piuttosto che costrizione e controllo. La Svezia è un buon esempio in questo senso, ed è un buon esempio da seguire in questa fase 2.  

Vanno elaborate tante regole quante sono effettivamente necessarie, va garantita tanta libertà quanto è possibile – secondo il proprio senso di responsabilità . 

Infine, i test a tappeto che il Team K ha richiesto per settimane devono essere effettuati urgentemente. Test adeguati in caso di sospette infezioni da coronavirus e la ricerca di contatti, compresa la quarantena, sono i prerequisiti per un passaggio regolamentato alla normalità e per il controllo di nuove infezioni che sicuramente ci accompagneranno a lungo. L’incapacità dell’Azienda sanitaria di fornire questa capacità, a differenza dei territori vicini, rappresenta una perdita economica inaccettabile.

Obiettivo

Riapertura immediata della vita sociale ed economica, attraverso la formulazione di misure in campo medico, non esclusivamente virologiche, basate sull’evidenza, per evitare il più possibile l’insorgere erratico e soprattutto simultaneo di centri di infezione, evitando per quanto possibile catene di infezione non più rintracciabili.

Visione

È necessario far uso sia della corresponsabilità che della responsabilità personale, come risorsa per l’intera popolazione. In questa situazione, sulla base di leggi approvate in organismi democratici legittimati a questo scopo, una cittadinanza matura si risveglia e non deve essere messa in un sonno profondo permanente con decreti di permesso e divieto calati dall’alto.

La responsabilità personale crea fiducia. Trattare le persone come bambini toglie ogni sicurezza all’individuo come alla società.

Che aspetto deve avere la ripresa?

Premessa: Nè il lockdown nè la riapertura totale sono strade percorribili

Prevenzione – Art. 32 Costituzione (tutela della salute)

L’Alto Adige è resistito bene alla crisi del coronavirus in termini di organizzazione e di salute.

Il tasso di riproduzione del virus (R0) è sceso al di sotto di 1, per cui l’ingresso nella seconda fase della pandemia SARS-CoV-2 sembra giustificato in base a misure di prevenzione igienica e a un adeguato monitoraggio, poiché i danni collaterali previsti per la salute generale della popolazione e dell’economia saranno molto maggiori del rischio per la salute derivante dalla malattia COVID-19 stessa. Con l’attuale tasso di infezione da SARS-CoV-2, il sistema sanitario altoatesino si avvicina al tasso di riproduzione raggiunto senza rischi per la salute.

La sfida ora consiste nel garantire il passaggio alla seconda fase della pandemia senza che un’altra ondata venga gestita in modo tale da mettere a repentaglio i risultati ottenuti finora.

Per questo motivo, è necessario sviluppare concetti di controllo dell’infezione per le diverse aree economiche e sociali con il coinvolgimento della popolazione, al fine di evitare un nuovo focolaio dell’infezione da SARS-CoV-2. Tutti i gruppi a rischio devono essere protetti separatamente. Attraverso test adeguati su gruppi di persone esposte e su gruppi a rischio speciali come coloro che vivono nelle case di riposo, i detenuti, le persone vulnerabili, ecc., deve essere possibile individuare rapidamente e sistematicamente i cambiamenti precoci della frequenza dell’infezione da SARS-CoV-2 e mettere tali persone in quarantena per evitare la diffusione della malattia. È indicata la regolare rintracciabilità dei contatti attraverso telefonate e documentazione, al fine di individuare cambiamenti prematuri nel corso della malattia.

È fondamentale creare le condizioni per individuare rapidamente nuovi focolai di infezione, isolare le persone infette ed effettuare il tracciamento dei contatti in modo rapido, efficiente e completo. L’obiettivo è quello di mantenere basso il rischio di infezione in tutte le strutture e in tutti i luoghi di lavoro, in modo che anche le persone a maggior rischio possano partecipare alla fase 2 senza esitazioni e che si prevenga il riaccendersi di una seconda ondata.

Le seguenti misure sono particolarmente importanti e dovrebbero essere indicate alla popolazione attraverso adeguate campagne di informazione:

  • Misure igieniche: igiene costante delle mani, rispetto delle regole riguardanti colpi di tosse e starnuti, pulizia accurata dei locali e regolare ventilazione dei locali, disinfezione delle superfici.
  • Mantenimento della distanza: il requisito valido è quello di mantenere una distanza di almeno 1,5 metri, sia all’interno che all’esterno degli edifici. Il numero massimo di persone deve essere adeguato alle dimensioni dei locali e non può essere regolato a priori da specifiche come i metri quadrati a persona. Durante il trasporto (scuolabus, trasporto pubblico) si deve tenere conto anche delle considerazioni relative alla densità di persone.
  • Protezione della bocca e del naso: può contribuire a ridurre la trasmissione sul posto di lavoro, in particolare delle persone infette pre- e asintomatiche, e a proteggere i gruppi a rischio dalla trasmissione. È indicata una formazione sulla protezione di naso e bocca.
  • Monitoraggio e test: Una strategia di test sistematici deve essere pianificata, preparata e attuata a livello provinciale. Ciò comporta la registrazione sia dell’infettività della popolazione che della percentuale di popolazione infettata. Devono essere disponibili strutture di analisi adeguate (test antigenico della SARS-CoV 2 e test anticorpale contro il virus con una metodologia valida).  Una strategia di test intensiva permette di individuare nuovi focolai di infezione in una fase precoce e di interrompere la catena di infezione con un intervento tempestivo. Un’accurata documentazione deve essere preparata dalle aziende e dalle istituzioni educative per poter rintracciare la presenza e l’assenza della malattia. La misurazione della temperatura corporea all’ingresso nel luogo di lavoro è indicata.
  • Sono necessarie responsabilità chiare e una buona e aperta comunicazione per attuare tutte le misure necessarie senza perdita di tempo.
  • Devone essere predisposte misure di informazione sulle misure di prevenzione delle infezioni, compresa la corretta manipolazione della protezione della bocca e del naso (linee guida per l’igiene).

Se, nonostante le misure descritte, si verificano focolai di malattia o aumenti rilevanti delle persone infette da SARS-CoV-2, deve essere possibile, d’intesa con le autorità sanitarie, anche la chiusura temporanea di impianti e aziende. Tali misure igieniche relativamente semplici consentono il passaggio alla 2° fase con il minor rischio possibile per la salute della popolazione.

In linea di principio, il Team K sostiene un approccio che prevede l‘elaborazione di linee guida che devono essere rispettate dalla popolazione e dagli operatori economici, ma che permettono per il resto di sviluppare liberamente l’organizzazione autonoma della vita e del lavoro.

Il principio guida dell’approccio metodologico è la tutela dei diritti fondamentali della persona, che deve essere costantemente ponderata insieme alla tutela dell’integrità della popolazione. In questa improvvisazione di nuove e confuse norme giuridiche, spesso non pienamente sviluppate, questo è stato finora trascurato sia a livello statale che provinciale.

Le nostre linee guida liberali sono:

  • Fiducia nelle persone, non sorveglianza.
  • Non regolamentare tutto nel dettaglio.
  • Regole chiare, il resto è affidato alla responsabilità.
  • Rendere possibile il lavoro, con misure di sicurezza realistiche.
  • Qualsiasi comportamento totalitario deve cessare e non deve essere permesso continui, neanche in modo rudimentale o insidioso.
  • Adeguatezza delle misure, in considerazione della reale minaccia della SARS-CoV-2 rispetto ad altre minacce per la salute.  
  • Né l’isolamento né l’apertura completa sono opzioni percorribili.

Fase 2 – Piano di uscita ORA!

L’obiettivo primario è il ripristino immediato della vita pubblica, sociale ed economica e la via d’uscita regolamentata dal lockdown della SARS-CoV-2. Questa via d’uscita è il contenuto del presente documento. Successivamente, in un documento a parte, in relazione al pacchetto di misure economiche ancora da mettere insieme, si valuterà come utilizzare le enormi risorse messe a disposizione, anche in modo ORIENTATO AL FUTURO, con l’obiettivo di effettuare investimenti innovativi e ridurre gli squilibri socio-economici, senza limitarsi a ripristinare lo status quo, spesso inadeguato, di prima della crisi. È importante, tuttavia, che la strategia di uscita immediata crei già ora le basi per un futuro riorientamento della società e dell’economia.

Questo documento è un contributo alla discussione. Pertanto, esso contiene anche proposte e approcci a soluzioni in cui l’Alto Adige non è l’unico responsabile o che contrastano con alcune delle misure adottate dal DPCM del Governo.  

L’attuale pandemia ARS-CoV-2 mette a dura prova la nostra società. Le misure adottate per contenere l’infezione richiedono grandi sacrifici da parte della popolazione. Le misure restrittive hanno lo scopo di appiattire la curva di infezione per evitare una compressione dei casi di malattia e di morte con un possibile sovraccarico del sistema sanitario. L’efficacia delle misure può essere vista in parte nelle cifre chiave, ma di solito diventa evidente solo con un certo ritardo. Allo stesso tempo, queste misure hanno anche un impatto negativo diretto sull’assistenza medica di malattie diverse dal COVID-19, ma anche su più ampie questioni sociali, psicologiche, sanitarie e culturali, nonché sulle basi economiche della società. Tutto questo non riguarda solo i gruppi a rischio medico, ma anche le persone svantaggiate dal punto di vista socioeconomico, le persone con disabilità, i genitori single, le famiglie con bambini piccoli, le famiglie con poca istruzione e gli anziani, i senzatetto, i malati e le persone mentalmente instabili.

Il costo della perdita di valore aggiunto nell’economia è compreso tra il 4,0 e il 7,5 per cento del PIL per una chiusura di un mese. Un prolungamento di questo stato di cose causerebbe un aumento sproporzionato dei costi. Tuttavia, un’economia funzionante è un prerequisito per un sistema sanitario funzionante. Per questo motivo è necessario considerare una strategia di uscita e riflettere su come implementarla.

La crisi dovrebbe anche portare a una rivalutazione dei ruoli e dei settori:

  • Il potenziamento del sistema educativo, compreso il suo ruolo sociale, l’espansione dell’infrastruttura digitale.
  • Assistenza sanitaria: l’importanza di un sistema sanitario pubblico, finanziato dalle tasse, è stata ancora una volta dimostrata, in quanto garantisce non solo l’accesso e la specializzazione, ma anche la prevenzione. Deve compiere maggiori sforzi per garantire l’attuazione umana dell’assistenza sanitaria, la digitalizzazione, i discorsi etici come i testamenti biologici e le cure palliative. Una lezione della crisi è che non si tratta solo di salvare vite umane, ma anche di affrontare bene la morte (cure palliative e hospice).
  • Il ruolo della donna; il valore e la dignità dei bambini e degli anziani.
  • Ambiente e politica della mobilità: le città senza traffico; attenzione alla mobilità ciclabile!
  • Digitalizzazione: telelavoro, semplificazione, servizi user-friendly
  • Burocrazia: autodichiarazione e fiducia al posto delle procedure amministrative e dello stato di polizia. Molte agevolazioni che sono state introdotte recentemente devono essere mantenute.
  • Qualità della vita e compatibilità tra lavoro e famiglia: in una democrazia ci dovrebbe essere la possibilità di scegliere chi assume quale ruolo, e in uno Stato sociale ci dovrebbe essere tempo per le persone per prendersi cura dei propri cari e delle proprie passioni.. Il rallentamento dello stile di vita che il coronavirus ci ha imposto dovrebbe essere motivo di riflessione in questa direzione.

Una cosa la abbiamo imparata: È possibile mobilitare rapidamente grandi somme di denaro quando è necessario.

Obiettivo finale

Ridurre al minimo i danni alla salute, psicologici, sociali ed economici causati dalla pandemia di SARS-CoV-2 e dalle misure ad essa associate.

Obiettivi operativi

  • Ridurre al minimo il numero di morti di COVID-19
  • Mantenimento di un sistema di assistenza sanitaria e infermieristica funzionante. Deve essere garantito a tutti un accesso a bassa soglia ad un’assistenza sanitaria di alta qualità, basata sulle necessità ed efficiente. La pandemia COVID-19 non deve impedire l’accesso dei pazienti agli ospedali, agli specialisti, ai medici di famiglia, ai terapisti e alle procedure di imaging. Devono essere impedite restrizioni nell’assistenza e nella cura della popolazione;
  • Mantenimento di un’economia funzionante e del sistema scolastico;
  • Prevenire la crisi economica e la disoccupazione;
  • Limitazione delle libertà fondamentali per meno tempo possibile. Occorre avviare una graduale normalizzazione della vita quotidiana, o lo sviluppo di una nuova cultura quotidiana, attenta e solidale, che tenga conto dei rischi, soprattutto per i gruppi vulnerabili.

Metodo

Il numero di nuove infezioni viene mantenuto il più basso possibile anche nell’ambito della strategia di uscita. Il tasso di riproduzione di base R0 è mantenuto al di sotto di 1 con opportune precauzioni. Questa strategia a livello statale, regionale e distrettuale dipende da quanto è alto il tasso di immunità in una regione, ad esempio l’1%, il 2% o il 10-20%. Pertanto, viene indicata una strategia di test per valutare l’immunità della popolazione (ad es. mediante un test anticorpale per il Corona-CoV-2) in un campione sufficientemente ampio e rappresentativo. Le capacità di test esistenti devono essere ampliate.

Coronavirus – “Il martello e la danza” R0 viene mantenuto costantemente al di sotto di 1

Aggiornamento: tutti i piani politici per la graduale ripresa dell’attività/produzione nelle aziende, ma anche in tutti gli altri settori della nostra società, devono essere disponibili in anticipo e comunicati agli attori interessati, ad alcuni imprenditori e alle istituzioni educative, in modo che possano iniziare a fare i propri preparativi.

Presupposti da creare prima del lancio del piano di uscita

L’ampliamento delle capacità di test, che il Team K chiede da settimane, è un prerequisito per il rapido passaggio alla Fase 2 e per il suo mantenimento, nonché per il monitoraggio epidemiologico. Il ritardo nell’acquisizione di queste capacità non è più accettabile.

  • Test di massa su apparecchiature RT-PCR su larga scala – Corona-CoV-2 (rilevamento dell’antigene): esistono sul mercato diverse apparecchiature su larga scala dell’azienda Roche (Cobas 6800): completa integrazione e completa automazione del processo di diagnostica PCR – circa 400 risultati in 8 ore;
    Cobas 8800: completa automazione dell’intero processo di test (caricamento del campione fino all’amplificazione e valutazione dell’acido nucleico del virus: circa 1000 risultati del campione in 8 ore) o CFX 96 di Biorad (diversi dispositivi possono essere chiusi in parallelo – 400 test/8 ore). Tali test sono già stati acquistati a Padova e in Tirolo.

 

  • RT-PCR – test rapidi per ospedali periferici e studi medici:
    • Soluzione sanitaria Bosch: Vivalytic – tempo 21/2 ore sistema a cartuccia – soddisfa tutti gli standard di qualità (OMS) – costo 23.000 Euro
    • Azienda Abbott: Test rapido in 10 min (“Test rapido per Covid-19 Mod. GCCOV-402a”). Il test è approvato dal Ministero della Salute ed è utilizzato in diversi ospedali in Italia
    • Qiagen – Biotech – Azienda olandese: Test rapido su cartucce di prova Durata: 1 ora (approvato dal FDA e dal Ministero Federale per i Prodotti Medicali tedesco)
  • Il test anticorpale per Corona-CoV-2- IgM e IgG viene eseguito con metodi ELISA
  • Eti-Max della DiaSorin: circa 3000 risultati di test al giorno
  • EUROIMMUN-Elisa I: volumi di campione medi e alti (70 – 100 Prove per ora)
  • Ci sono anche altri dispositivi della società Roche, Biopharm, ecc. La portata è la stessa per tutti i dispositivi. I dispositivi sono aperti e possono essere utilizzati reagenti diversi di produttori diversi.

I dispositivi possono essere acquistati in leasing o “commercio d’uso”. Ciò significa che i dispositivi di solito non vengono acquistati, ma ammortizzati con l’acquisto dei reagenti o con il numero di test.

Fig. 1 Anhang 10 des DPCM DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 26 aprile 2020

1) Strategia di test

  • Sviluppo di una strategia di test efficace e intensificata (PCR-Ag e test AK) per individuare precocemente nuovi focolai di infezione (“cluster”), per identificare le catene di infezione (“contact tracing”) introducendo app di movimento su base volontaria per evitare i super-spreader, per mantenere attive le professioni chiave, per proteggere i gruppi ad alto rischio e per ridurre il più possibile l’R0 (R0<1) e prevenire così una nuova diffusione.
  • Questa strategia di prova deve essere pianificata e preparata a livello provinciale e comprensoriale;
  • Creazione di strutture di test per i punti di assistenza (PCR+AK) in tutti gli ospedali o in alcuni casi nei centri di detenzione con il coinvolgimento delle degli studi dei medici di base;
  • Istituzione di una task force per test rapidi in caso di anomalie regionali, che effettua test su campioni rappresentativi;
  • Effettuare regolarmente un campionamento rappresentativo a livello distrettuale per determinare il livello di infestazione;
  • Progettazione e realizzazione di una strategia di test anticorpali per l’identificazione di individui immuni, con l’obiettivo di rafforzare il settore sanitario e sociale, nonché l’economia, con questo personale chiave;
  • Test (anticorpali e antigenici) di persone che lavorano a contatto con altre persone (personale docente, assistenti all’infanzia, personale di asilo nido, medici e personale infermieristico nelle case di riposo e negli ospedali, autisti di autobus, assistenti sociali, lavoratori a stretto contatto con i clienti, ecc.).
 

2) Monitoraggio epidemiologico

    1.  è anche un prerequisito per la Fase 2 secondo l’allegato 10 del DPCM 26/4/2020;
    • Monitoraggio preciso delle infezioni e dell’incidenza delle malattie con la creazione di ambulatori COVID in tutti gli ospedali;
    • Eventuale monitoraggio aggiuntivo della malattia mediante app di sorveglianza;
    • Monitoraggio preciso dell’incidenza della malattia mediante la stratificazione del rischio dei casi di CORONA-CoV-2 testati positivamente (ad es. età, sesso, malattie cardiovascolari, diabete, BPCO, ipertensione, indice di massa corporea, cancro, stato del fumatore, uso di farmaci immunosoppressori, stato socioeconomico);
    • Monitoraggio preciso dell’esposizione del settore ospedaliero e della terapia intensiva al COVID-19, con la stratificazione del rischio che funge da sistema di allarme precoce quando il test PCR viene accettato;
    • Monitoraggio puntuale della mortalità complessiva e della mortalità (soprattutto sopra i 65 anni) attraverso strumenti di rilevazione internazionali (Euregio – progetto di rilevazione della mortalità nelle singole regioni dell’Euregio attraverso la creazione di una rete comune nell’Euregio) – Sviluppo di regimi di trattamento uniformi per COVID-19 nell’Euregio sotto la guida dei Dipartimenti Infezione e Igiene;
    • Ottimizzazione dell’assistenza ospedaliera da parte di un centro di riferimento regionale dell’Euregio, che ha a disposizione l’intera gamma di cure mediche intensive ed è sollevato dall’onere degli altri ospedali della restante assistenza medica (Clinica Speciale Corona).

    Inoltre, si dovrebbe considerare di raggruppare le competenze virologiche, epidemiologiche e igieniche all’interno dell’Euregio, soprattutto in vista di ogni nuova stagione influenzale futura. A vantaggio sia degli ospiti che ritornano presto in patria sia della popolazione locale, si dovrebbe prendere in considerazione una struttura di container medici ad hoc per evitare rischi di infezione negli ospedali o negli studi medici (ad es. medico di famiglia o specialista) – per la prevenzione mediante la vaccinazione anche di altri virus corona, in modo che il sistema immunitario non sia ulteriormente appesantito in caso di possibili malattie di Covid-19. 

3) Protezione della popolazione e dei gruppi a rischio

  • L’uso diffuso di maschere protettive per la bocca e il naso non può impedire la diffusione dell’agente patogeno, ma probabilmente può essere contenuto. Anche se le maschere non sono a tenuta di virus, la ritenzione di goccioline da parte di persone sintomaticamente o asintomaticamente infette può probabilmente ridurre la trasmissione. Pertanto, la produzione e la distribuzione delle maschere deve essere aumentata in modo massiccio. L’uso delle maschere non deve indurre le persone ad allentare il proprio comportamento protettivo (ad es. distanza, lavaggio delle mani, disinfezione, usare il gomito per coprirsi quando si tossisce).
  • In via prioritaria, le strutture sanitarie, le case di cura e le case di riposo (personale e pazienti) devono essere adeguatamente equipaggiate con maschere di protezione per bocca e naso e indumenti protettivi per proteggere i gruppi a rischio.
  • Per la rapida escalation e la diminuzione dell’assistenza medica della popolazione, sarebbe importante che tutti gli ospedali avessero una propria ala attrezzata secondo le norme tecniche di igiene, per essere preparati alle diverse esigenze infettive dovute alle infezioni da COVID-19.
  • Aumento e formazione del personale addestrato che si occupa dei pazienti COVID-19.
  • Preparazione di luoghi specifici per la riabilitazione di sindrome da distress respiratorio acuto per i sopravvissuti in terapia intensiva, al fine di alleviare gli ospedali e di riabilitare questi pazienti in modo professionale.

Exit-Strategy

a) misure da intensificare

  • Una migliore protezione degli istituti di assistenza di lunga durata attraverso una descrizione uniforme dei processi e delle linee guida per tutti gli istituti di assistenza di lunga durata (stabilite dall’Assessorato al Sociale), compreso il controllo del personale e dei residenti (i beneficiari dell’assegno di cura sono tra i gruppi ad alto rischio. Hanno un rischio di morte da 50 a 80 volte superiore rispetto alle persone sotto i 50 anni).
  • Standard più elevati in tutti gli studi medici e in altre strutture sanitarie e di assistenza sociale per quanto riguarda il controllo delle infezioni utilizzando processi ottimizzati, dispositivi di protezione e strategie di test (la protezione efficace delle professioni sanitarie e di assistenza sociale è la chiave del successo).
  • Migliore informazione e protezione dei gruppi vulnerabili e socio-economicamente svantaggiati (ad es. disoccupati, migranti, senzatetto, malati mentali, disabili, persone con problemi linguistici, disoccupati, ecc.).
  • Comunicazione comprensibile e specifica per il gruppo target sull’importanza dell’igiene delle mani, sulle regole riguardanti la tosse e gli starnuti, sulle forme di saluto e sulle regole della distanza
  • Disinfezione regolare di superfici che vengono toccate da molte persone, ad es. maniglie delle porte, tastiere, interruttori, carrelli della spesa, distributori automatici, ecc.
  • Dispositivi di disinfezione delle mani senza contatto, compresi poster informativi davanti a tutti i negozi, le aziende e gli edifici pubblici.
  • Automazione di porte nell’area d’ingresso di negozi, delle aziende e degli edifici pubblici.
  • Sostegno da parte di organizzazioni umanitarie competenti per l’acquisto e l’approvvigionamento di medicinali.
  • Offerta per persone sole o difficili da curare ad alto rischio di accoglienza temporanea e gratuita in hotel appositamente attrezzati.

b) misure da mantenere

  • Distanziamento fisico nello spazio pubblico. La migliore protezione possibile dei gruppi ad alto rischio si attua attraverso l’allontanamento fisico o l’applicazione di adeguate misure di protezione.
  • Proseguimento dell’home office, telelavoro, ecc. ove possibile. Ciò può essere attuato con relativa facilità.
  • Comunicazione comprensibile e precisa delle regole di comportamento con malati COVID. Una comunicazione altamente professionale è indispensabile.
  • Nei prossimi mesi non ci saranno grandi eventi all’aperto o in locali chiusi (è necessaria una definizione dei grandi eventi). Può essere ben comunicato alla popolazione.
  • Comunicazione comprensibile e precisa delle regole applicabili alle dimensioni dei gruppi all’aperto o in locali chiusi, in particolare il numero di persone, la distanza, la ventilazione, ecc.
  • Le università dovrebbero offrire l’insegnamento online fino all’estate. Gli esami possono essere tenuti in loco se non sono presenti più di 4 persone. Rispetto delle distanze.
  • Indossare le maschere (meglio: coprire bocca e naso) dovrebbe essere obbligatorio in stanze chiuse per il momento.

c) misure da allentare

Per le misure di allentamento devono essere presi in considerazione diversi fattori di rischio. Tra questi vi sono l’aumento dei contatti personali stretti, l’aumento del flusso di persone, il numero di persone vulnerabili interessate o la possibilità di adottare misure di protezione. Inoltre, è necessario valutare i vantaggi economici delle singole misure di allentamento.

Misure concrete da adottare in alcuni settori

  • Lavoro ed economia
  • Turismo e gastronomia
  • Ristoranti, pub e bar
  • Vita pubblica
  • Mobilità
  • Scuola
  • Assistenza ai bambini
  • Cultura
 
 
 

Conclusioni

Non si può mettere a confronto la tutela della salute e la riduzione dei danni economici!

La strategia di uscita persegue contemporaneamente diversi obiettivi: la prima priorità deve continuare ad essere la protezione della salute della popolazione, soprattutto delle persone più vulnerabili. L’allentamento delle restrizioni sarà accompagnato da concetti di protezione. Il danno economico deve essere ridotto al minimo, così come le restrizioni dei diritti fondamentali.

Le restrizioni, se ancora in vigore, devono essere eliminate immediatamente nel caso di aziende che hanno solo un numero limitato di contatti diretti e che sono in grado di attuare i concetti di protezione in modo efficiente e non causano flussi significativi di persone.

D’ora in poi le misure nel settore della medicina ospedaliera possono essere gradualmente allentate e gli ospedali dovrebbero riprendere rapidamente tutti gli interventi. Allo stesso modo, gli ambulatori medici (tra cui odontoiatria, fisioterapia e massaggi medici) devono riprendere le normali operazioni. Questo per prevenire le conseguenze negative che potrebbero verificarsi in caso di mancata esecuzione dei trattamenti e degli esami. Il diritto alla salute deve ora essere restituito anche ai pazienti non-covid.

Nei prossimi mesi l’Alto Adige deve riuscire a stabilire un sistema di gestione dei rischi in modo che le infezioni da COVID-19 siano ridotte a zero il più rapidamente possibile, riducendo così quasi a zero le restrizioni della vita quotidiana. Soprattutto, però, questo richiede una strategia di uscita trasparente per i prossimi mesi, che deve essere costantemente adattata e comunicata alla popolazione in modo facilmente comprensibile.

 

Sulla base dei dati epidemiologici, è ora necessario decidere quando e in quali distretti o a livello nazionale, a quali condizioni riapriranno gli asili e le scuole elementari, le aziende riprenderanno la produzione, le varie categorie professionali potranno tornare a lavorare a determinate condizioni, e saranno nuovamente possibili incontri sociali, festeggiamenti, attività ricreative, visite a teatro e ai pub.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *