AllgemeinComunicato stampa

Aeroporto, parte il nostro ricorso al Tar

Oggi tramite i media (quotidiano Alto Adige) il governatore Kompatscher ha fatto sapere con notevole arroganza e rifugiandosi dietro fantomatici “atti dovuti” che a breve firmerà il contratto di cessione delle quote della ABD Airport SpA,  nonostante tutte le illegittimità che come Team Köllensperger abbiamo evidenziato.

Alle critiche che avevamo mosso nella conferenza stampa di Renate Holzeisen e Paul Köllensperger del primo agosto e che avevamo condensato nel documento inviato al presidente Kompatscher, all’avvocatura della Provincia e alla stampa, il governatore o non risponde oppure si limita a considerazioni espressione di pura arroganza di potere. Evidenziando la concezione di democrazia di un’ampia fetta della maggioranza.

Avevamo posto dei serissimi interrogativi, mosso critiche approfondite su vizi legali che andrebbero ad inficiare la cessione delle quote pubbliche in Abd Airport Spa ai privati. È una partita che vale decine di milioni di euro, un tema molto sentito dai cittadini e su cui si è tenuto un voto referendario dall’esito chiarissimo. Questa è una battaglia che va oltre questo – seppur importantissimo – tema.

È una battaglia di democrazia, è una battaglia contro un sistema, il cosiddetto “sistema Alto Adige”, che vede sempre i soliti attori ormai ben noti come protagonisti e approfittatori in un conflitto di interessi purtroppo crescente, alla faccia di chi sperava in un cambiamento . È quando si fanno considerevoli gli interessi in gioco che il  “sistema Alto Adige” diventa visibile a tutti e questo è uno di quei casi.

 

E le risposte del Presidente Kompatscher che si apprendono oggi a mezzo stampa sono eloquenti. Ricordiamo al Landeshauptmann che il regio decreto – anche se risale al 1924 – è legge attualmente in vigore. Per quanto riguarda la qualificazione dell’aeroporto come servizio di interesse economico generale la sua risposta è fuorviante: “Finché ci sarò io non ci saranno finanziamenti pubblici allo scalo.” (quotidiano Alto Adige). Siamo proprio sicuri? E se tra pochi anni non ci sarà più? E per quanto riguarda la firma del contratto, non esiste nessun “atto dovuto” visto che il bando prevede che il Presidente Kompatscher può non firmare anche ora e senza penali. Inutile quindi rifugiarsi in scuse tecniche: Si tratta di una sua precisa scelta politica, di ampliare l’aeroporto nonostante la batosta presa al referendum, e di farlo fare ad una cordata di privati, che guarda caso sono i maggiori sponsor del partito di cui lui fa parte. Una vera e propria presa in giro dei cittadini, in particolare di Bolzano e della Bassa Atesina.

 

Quali saranno i prossimi passi? Abbiamo preparato un’accurata documentazione per partire con un ricorso al TAR. L’avevamo annunciato e andremo avanti, naturalmente.

Proponiamo ai cittadini interessati che avevano votato al referendum un ricorso collettivo a cui possono aderire tramite il rilascio di una procura agli avvocati e per questo invitiamo chi lo desiderasse a contattarci sin da domani all’indirizzo e-mail info@teamkoellensperger.it.

Per sottoscrivere il ricorso basta la carta d’identità e una fotocopia della tessera elettorale che attesti di aver votato in occasione del referendum del 12 giugno 2016. Organizzeremo dei momenti in cui sarà possibile sottoscrivere la Procura.

 

Entrando nel dettaglio del ricorso, da un punto di vista legale comprenderà anche un’istanza di sospensione cautelare degli atti amministrativi emessi dalla Provincia autonoma di Bolzano in relazione alla vendita della totalità delle quote nella società Abd Airport Spa.

Inutile dire che pretendiamo un giudizio imparziale e quindi giudici indipendenti. I conflitti di interesse non possono e non devono avere spazio in questa vicenda tanto delicata.

 

Questa battaglia di democrazia è appena cominciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *